Bes

immagine nel testo

Referente Prof.ssa Varano

Questo termine è stato introdotto a seguito della Direttiva ministeriale "Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Specialie organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“ (27 dicembre 2012)

La Direttiva aiuta a comprendere come una larga fascia di studenti abbia bisogno di una attenzione "speciale", per i più svariati motivi biologici, sociali o ambientali: differenze culturali, linguistiche, svantaggio sociale, disturbi specifici dell'apprendimento e / o disturbi evolutivi ecc.

I bisogni Educativi speciali sono individuati da tre grandi aree:

  • Disabilità e deficit motori e cognitivi
  • Disturbi specifici dell'apprendimento, dove non c'è quindi una disabilità ma la necessità di una azione educativa mirata
  • Difficoltà legate a fattori culturali, come per esempio la difficoltà di apprendimento in lingua italiana in ragazzi di altra madrelingua.

Progetto per l'Inclusione: la scuola incontra il Giappone
Guarda il video

Allegati
Piano Annuale per l’Inclusione 2019-2020.pdf
Ptof 2019-2022 Inclusione_PTOF_SLIDE.pdf
Piano Annuale per l’Inclusione 2018-2019.pdf